La Comunità Montana in casa tua

Attualità e Società Editoriale

Copertina opuscolo Comunità MontanaChe mondo sarebbe se le istituzioni pubbliche fossero trasparenti, chiare: tutto intorno a noi.

Prenderemo contatti con chi abbiamo messo ad amministrarci stando comodamente dal nostro salotto di casa.

Ma questo li si può fare: parola di Comunità Montana delle valli del Taro e del Ceno.

In questi giorni è arrivato a casa di ogni famiglia un simpatico giornale di prop…ehm…informazioni; leggiamolo.

Innanzi tutti, come si dovrebbe sempre fare, leggiamo titolo, chi e come ce lo manda:

“Nelle Valli del Taro e del Ceno” è un giornaletto di 20 pagine con in bella vista, su sfondo in tonalità di verde rilassante e pulite (richiama il bel verde delle nostre valli), gli stemmi dei Comuni della Comunità Montana, quello della Provincia di Parma, della Camera di Commercio, della Comunità Montana e del gruppo Assimoco.

Il gruppo Assimoco (ASSIcurazioni MOvimento COoperativo) è una società per azioni a scopo di lucro che non è dato sapere che rapporti abbia con i Comuni e la Comunità Montana, ne tanto meno, che finanziamento abbia dato allo stampato.

I destinatari, raggiunti per Posta (autorizzazione valida dal 10/12/2007, dopo tornerà utile) sono comunque, come si legge in prima pagina, le famiglie.

Il numero arrivatomi ieri, 10 gennaio 2008, è quello di Dicembre 2007 da una Redazione capitanata da presidente della Comunità Montana Carlo Berni, l’assessore (tra le altre cose della Comunicazione) Claudio Barilli e dalla responsabile del Servizio Cultura e Turismo  Sandra Montelli.

Tra i redattori altri collaboratori della Comunità Montana, amici e simpatizzanti.

All’interno si parla di agricoltura, di assicurazioni (anche contro le trombe…???…), credito agevolato e cooperative di garanzia.

Ambiente, forestazione e gestione associate: qui il meglio lo si scrive delle telecamere contro la microcriminalità che controllano i nostri centri.

Da anni sono state predisposte due videocamere ma, a quel che si legge, “il sistema di videosorveglianza che si andrà a realizzare…verranno realizzate due centrali operative…potendo visionare le immagini sia in differita che in diretta (live)” (ci mancava che dopo “in differita” scrivessero “on demand”).

Naturalmente servirà una rete cablata, software e infrastrutture ma tra le cose tecnologiche l’articolo successivo si supera: “Scatta la rivoluzione nelle telecomunicazioni: con la banda larga il mondo a un clic dalle valli del Taro e del Ceno”.

Vediamo un po’ come scatta.

Articolo sulla nova rete cablata per la banda largaCito testualmente: “Così, entro la fine del 2007, attraverso la creazione di una grande e robusta infrastruttura…il 95% della popolazione della Comunità Montana potrà disporre della banda larga”.

Il bello del web e dell’informazione che ci viaggia è che essa è istantanea: mai fare errori simili.

Scrivere in dicembre con la situazione sotto mano e rimanere fiduciosi che si possano fare i miracoli è da persone che o sperano troppo o si fidano ancor di più.

Quant’è oggi, che il 2007 è finito, la percentuale di popolazione coperta da solo questo servizio e questa nuova infrastruttura?

Capiamoli, la smania di attivare un tale progetto, porta anche a questo.

PubblicitàAndiamo a concludere di sfogliare e arriviamo ad una pagina intera dedicata alla pubblicità di un’altra attività a scopo di lucro: un’immobiliare.

Altro ragionamento sullo stanziamento di questi, o questo, non saprei, inserzionista per una pubblicità su uno stampato di informazione che, a mio avviso, dovrebbe reggersi sulle proprie gambe visto il carattere istituzionale.

Se, con i fondi non è possibile farlo e, visto che il 95% oramai è raggiungibile sul web (ma ancora non è detto che si sia dotati di un PC), affidarsi al costo esiguo di internet (il sito della Comunità Montana).

Andiamoci, dunque, su questo sito:

in home page spicca ancora il banner relativo al referendum costituzionale del 25 e 26 maggio 2006 e, visto che il web è anche immediatezza e fiducia, chiudiamo e andiamo a letto per riflettere un po’.

Noi parliamo da tempo di banda larga in valtaro e valceno nel nostro forum libero.

P.s.: ho ricevuto diverse segnalazioni che mi dicono che, via email, sia dalla Comunità Montana che da vari Comuni non si ha avuta nessuna risposta circa alcune segnalazioni di disservizi, disguidi e richieste di chiarimento.

Di la tua:

Abbiamo parlato anche di:

Amici e Sentimenti Annunci Attualità e Società Casa e Giardino Cellulari e Telefonia Cibi e Bevande Cinema Città Dibattito diMartedì Eco e Natura Economia e Finanza Editoriale Feste ed Eventi Foto Fun Guide Internet e Tecnologia Intrattenimento Lavoro Moda e Bellezza Motori Musei Musica Parma PodCast Politica Salute e Benessere Scienza Scrittori e Artisti Sport Trailer Turismo e Viaggi Tv Utilità Valtaro
AmiciAmici (www.amiciamici.com) è un © di Gian Marco Tedaldi. Non vi è una periodicità fissa, gli aggiornamenti avvengono quando si ha materiale, tempo e voglia. Non ci si assume la responsabilità per inesattezze o per danni derivati dall'uso di questo sito. Inoltre i collegamenti a siti esterni, i contenuti reperiti da altri siti e/o i video proposti non sono collegati a questo sito e non ne condividono per forza le idee e le convinzioni. Non ci si assume le responsabilità di violazioni a leggi o copyright da parte di terze parti inserite come contenuti aggiuntivi a questo sito. Ogni autore, sia di articoli che di commenti, si assume ogni responsabilità civile e penale di quanto scritto.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Con il contributo di BKTPGroup.com Web Agency a Parma offre la sua consulenza su Social Network, SEO, WordPress, Magento, E-Commerce e marketing

Made with in ValTaro