(ri)Mani sull’acqua

Editoriale
pensaci

pensaci

Questa settimana la voglio aprire con questa novità.

Una sorta di allenamento, con alcune (ri)flessioni e (ri)scatti.

Tra una pausa e l’altra, acqua.

Oligominerale con lieve aggiunta di anidride carbonica.

Un giusto tocco di movimento, quelle bollicine, in questi giorni dove si legge di Comuni virtuosi e scelte alquanto discutibili.

Prima di immergermi nel training, ti starai chiedendo cos’è rappresentato in figura: semplice, un cronometro con contatore d’acqua.

Per avere coscienza di quant’acqua si consuma mentre si fa la doccia!

Ma tanto, non ti preoccupare.

I primi a fregarsene, degli altri, sono i nostri politici.

Le Società per azioni chiedono e, con il fatto che siamo in una zona depressa, con il fatto che danno occupazione, con il fatto, con il fatto: ottengono!

Si passa sopra sui controlli di verifica dell’inquinamento nelle aziende, sui documenti, sulla sicurezza.

L’importante è produrre, per la proprietà ricchezza, per la comunità, se va bene, un’ambulanza.

Quante cerimonie per le donazioni di Istituti di Credito o SPA che trasmettono i telegiornali.

Anche quelli locali.

Sorrido quando leggo: “dono di Parmalat S.p.A.”

Ma l’informazione non si ferma.

Così, il tema che abbiamo segnalato tempo fa, sulla richiesta di nuove captazioni (dei pozzi detta alla carlona) dai quali attingere da parte del gruppo Norda S.p.A, arriva ad una conclusione.

Concesso.

Ma limitato a 4 litri al secondo il che, personalmente non so quanto aumenterà le centinaia di migliaia di bottiglie che gli stabilimenti locali producono al giorno.

Il dato certo è che, la concessione, farà guadagnare a noi un po’ più di 50 mila euro all’anno.

Per contro, a Parma, si cerca disperatamente acqua per i cittadini, per l’impianto idrico e si pensa di utilizzare le acque di superficie (praticamente si berranno l’acqua del fiume).

Alla fine si faranno gli interessi due volte delle SPA: l’acqua dal rubinetto farà schifo e si comprerà quella imbottigliata.

Tanto anche noi che abitiamo dove imbottigliano ci guardiamo bene dal bere quella del rubinetto.

L’acquedotto perde?

Non importa, costerà di più nella bolletta.

Perchè nessuno lavora all’impianto.

Non interessa a nessuno, tra una sovvenzione, un fondo, un aiutino statale, le tasse sui cittadini.

Quindi pensiamo positivo: a Colorno (PR), nelle scuole, si beve l'”Acqua del Sindaco”!

E pensate che bestemmia dicono: “è più controllata e sicura”.

Se un sindaco dei nostri comuni si sognasse anche solo una cosa del genere verrebbe lapidato pubblicamente.

E’ contro gli interessi della colletività, contro l’occupazione.

E se poi le società scappano e lasciano a casa i dipendendi?

Corriamo ai ripari.

Sovvenzioni, accordi e silenzio stampa.

Si decide e meno si sa e meglio è!

Succede così per i “monopolisti del rudo” con la “spiccata” impronta ecologista che ci fanno bere (loro davvero) le bischerate più allucinanti.

Bedonia, fortunatamente, si chiama fuori.

Ma nel silenzio, passano le sporadiche polemiche e le bordate alla giunta.

La beffa è che a Colorno si usano pannolini lavabili che creano meno rifiuti (-7% in un anno), carta reciclata negli uffici, apparecchiature a risparmio energetico e raccolta differenziata (al 70% in poche settimane).

Con i soldi (nostri) risparmiati si da un bonus per ogni bambino fino ai 3 anni.

Negli uffici pubblici locali si dormono sonni pesanti.

Buona notte!

Di la tua:

Abbiamo parlato anche di:

Amici e Sentimenti Annunci Attualità e Società Casa e Giardino Cellulari e Telefonia Cibi e Bevande Cinema Città Dibattito diMartedì Eco e Natura Economia e Finanza Editoriale Feste ed Eventi Foto Fun Guide Internet e Tecnologia Intrattenimento Lavoro Moda e Bellezza Motori Musei Musica Parma PodCast Politica Salute e Benessere Scienza Scrittori e Artisti Sport Trailer Turismo e Viaggi Tv Utilità Valtaro
AmiciAmici (www.amiciamici.com) è un © di Gian Marco Tedaldi. Non vi è una periodicità fissa, gli aggiornamenti avvengono quando si ha materiale, tempo e voglia. Non ci si assume la responsabilità per inesattezze o per danni derivati dall'uso di questo sito. Inoltre i collegamenti a siti esterni, i contenuti reperiti da altri siti e/o i video proposti non sono collegati a questo sito e non ne condividono per forza le idee e le convinzioni. Non ci si assume le responsabilità di violazioni a leggi o copyright da parte di terze parti inserite come contenuti aggiuntivi a questo sito. Ogni autore, sia di articoli che di commenti, si assume ogni responsabilità civile e penale di quanto scritto.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Con il contributo di BKTPGroup.com Web Agency a Parma offre la sua consulenza su Social Network, SEO, WordPress, Magento, E-Commerce e marketing

Made with in ValTaro