Fido bancario: cos’è e quando conviene

Economia e Finanza

Il periodo particolarmente difficile per l’economia italiana spesso induce imprese e famiglie a ricorrere alle varie forme di finanziamento concesse dagli istituti di credito, un modo per far fronte alle relative necessità in tempi utili. In questa logica il fido bancario si pone come un ottimo strumento di credito che le banche concedono ai loro clienti per consentirgli di poter disporre di uno scoperto o del denaro disponibile. Dunque il fido è uno strumento particolarmente utile alle imprese o alle famiglie in difficoltà economiche, un finanziamento che, ovviamente, con il tempo va rimborsato all’istituto di credito gravato di interessi.
Un fido dunque può essere concesso sia ad un’azienda che ad un privato, anche se generalmente sono le imprese che ricorrono più frequentemente a questa forma di credito. Corre comunque l’obbligo di una precisazione in quanto il fido, come detto, è uno strumento di credito e non un prestito concesso dall’istituto al cliente. La banca cioè non presta denaro per un determinato periodo, bensì anticipa temporaneamente dei fondi al cliente. L’entità del finanziamento da anticipare al proprio cliente dipende dalla capienza del suo conto, dalla propria capacità di solvibilità e dalle necessità dello stesso cliente. Inoltre, il periodo di tempo in cui il fido resta attivo è relativamente breve (solo alcuni mesi) e per somme di denaro piuttosto contenute.
Il caso più comune in cui questo strumento di credito viene utilizzato è quello relativo allo scoperto sul proprio conto, in questo modo grazie all’affidamento il conto corrente bancario non risulterà in rosso. Resta, in ogni caso, l’obbligo di rimborsare l’istituto di credito. Da precisare che la banca può concedere il fido bancario anche per consentire al cliente di far fronte ai debiti verso terzi, come nel caso di un’azienda che può beneficiare dell’affidamento per assolvere al pagamento dell’IVA da versare allo Stato nei termini previsti.
La banca prima di concedere il fido effettuerà un approfondita analisi, anche ricorrendo alla centrale dei rischi finanziari, attraverso una raccolta di informazioni. Un passo necessario per capire l’affidabilità del cliente, prima di accettare la richiesta di affidamento e stabilire le relative condizioni. Un’analisi preliminare molto importante perché dal risultato dell’indagine dipende pure la somma del fido bancario. Infatti, il cliente all’atto della richiesta indica una somma che poi dovrà essere corretta o confermata dalla banca erogante.
A prescindere dall’uso del fido bancario, la percentuale degli interessi viene calcolata sull’importo concesso. Tenuto conto che gli interessi sui fidi hanno percentuali piuttosto alte, l’affidamento va richiesto esclusivamente quando realmente ne ricorre la necessità o quando in tempi brevi si prevede un rientro di denaro che consente di saldare il debito con la banca. Inoltre, sempre in considerazione degli interessi, è meglio chiedere all’istituto di credito un fido in linea con le personali esigenze e non superiore alla reale necessità. Inutile cioè richiedere un fido elevato che, ovviamente, comporta spese ben maggiori e quindi da evitare.
In sostanza in caso di difficoltà il fido bancario può essere un buon rimedio anche se rappresenta una forma di credito che prevede importi non elevati e restituzioni in tempi relativamente brevi. Una pratica utilizzata soprattutto dalle aziende ma anche dai privati e dalle famiglie in situazioni di difficoltà economiche. Il limite del fido bancario e i costi variano da caso a caso e vanno valutati con scrupolo al momento della apertura del conto. Tutte valide ragioni che invitano a un’attenta valutazione della banca da scegliere, attraverso un confronto di alcuni preventivi che illustrino bene anche le condizioni del fido bancario oltre a tutte le altre clausole contrattuali. Soffermarsi un po’ di tempo in più su alcuni aspetti aiuta a scongiurare il pericolo di future brutte sorprese e a fare la scelta più adatta alle proprie esigenze. Oggi il web è un ottimo strumento per confrontare in tempi stretti diversi preventivi e scegliere così quello più conveniente.

Di la tua:

Lascia un commento

Abbiamo parlato anche di:

Amici e Sentimenti Annunci Attualità e Società Casa e Giardino Cellulari e Telefonia Cibi e Bevande Cinema Città Dibattito diMartedì Eco e Natura Economia e Finanza Editoriale Feste ed Eventi Foto Fun Guide Internet e Tecnologia Intrattenimento Lavoro Moda e Bellezza Motori Musei Musica Parma PodCast Politica Salute e Benessere Scienza Scrittori e Artisti Sport Trailer Turismo e Viaggi Tv Utilità Valtaro

AmiciAmici (www.amiciamici.com) è un © di Gian Marco Tedaldi. Non vi è una periodicità fissa, gli aggiornamenti avvengono quando si ha materiale, tempo e voglia. Non ci si assume la responsabilità per inesattezze o per danni derivati dall'uso di questo sito. Inoltre i collegamenti a siti esterni, i contenuti reperiti da altri siti e/o i video proposti non sono collegati a questo sito e non ne condividono per forza le idee e le convinzioni. Non ci si assume le responsabilità di violazioni a leggi o copyright da parte di terze parti inserite come contenuti aggiuntivi a questo sito. Ogni autore, sia di articoli che di commenti, si assume ogni responsabilità civile e penale di quanto scritto.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Con il contributo di BKTPGroup.com Web Agency a Parma offre la sua consulenza su Social Network, SEO, WordPress, Magento, E-Commerce e marketing

Made with in ValTaro