Warning: mysql_num_fields() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.amiciamici.com/home/wp-includes/wp-db.php on line 3192
Navigando tra le "carte virtuali" - AmiciAmici.com

Navigando tra le “carte virtuali”

Attualità e Società Utilità
carte

carte

Dati i grandi mutamenti di natura economica, lavorativa, commerciale e culturale, avvenuti soprattutto negli ultimi anni e favoriti senza ombra di dubbio dalla diffusione di Internet, vediamo come le banche si stanno sempre più sganciando da vincoli fisici e materiali, per poter rendere più snella, rapida e agevole la vita economica delle persone.

Se un tempo aprire un conto in banca era considerato come un gesto solenne che faceva accedere, simbolicamente parlando, all’età adulta, oggi a quanto pare, tutta quell’aura viene meno. Il conto in banca è un servizio pratico tramite cui veicolare denaro contante e fare acquisti on e off line.

I soldi vanno e vengono, un giorno ci sono l’altro no, viaggiano sempre più alla velocità della luce, per cui perchè non agevolare il processo di scambio di denaro tra le persone?

Ecco quindi che vengono meno tutti quei passaggi burocratici , che un tempo caratterizzavano la relazione che un individuo aveva con la banca; niente più sportelli, niente più firme e possibilmente, niente più materiali cartacei: tutto ora avviene attraverso pochi click.

In Italia, il fenomeno dell’e-banking è arrivato un po’ più tardi, rispetto per esempio agli Stati Uniti – dove ormai l’e-commerce (che ha dato una grossa spinta in questa direzione) è pratica quotidiana-però vediamo come negli ultimi anni, c’è stata una grossa spinta verso la virtualizzazione delle, per così dire, pratiche bancarie anche da noi.

Per il consumatore finale tutto ciò si è spesso tradotto in una semplice Carta ricaricabile.

Cosa vuol dire?

Ci sono delle carte, che svolgono la stessa funzione di un bancomat/carta di credito/conto corrente, che permettono di fare tutta una serie di cose, comodamente seduti sulla sedia di casa davanti al computer.

Da questo nasce la comparazione; ho voluto confrontarne alcune, cercando di evidenziare vantaggi e svantaggi, provando quindi a spiegare in parole semplici e chiare il loro utilizzo e funzionalità.

I 3 prodotti presi in esame sono:

Postepay di Poste Italiane, Conto Tascabile di CheBanca e la new entry SuperFlash di Intesa Sanpaolo.

Quelle che seguono sono pertanto le mie considerazioni sulle 3 offerte, in merito a quelli che sono gli aspetti che ho ritenuto potessero essere importanti per una persona comune, non necessariamente esperta.

Per cui andiamo al sodo.

Attivazione della carta:

a quanto pare l’offerta che dà più problemi per l’attivazione, è quella fornita da CheBanca.

Per attivare la carta è necessario essere già intestatari di un conto corrente “tradizionale”, attraverso il quale effettuare il primo bonifico che “attiva” la carta; come se non bastasse se si ha un conto con una banca “virtuale” tipo Fineco, la carta non si può aprire.

Inoltre, leggendo un po’ di commenti su Internet, è opinione diffusa che i tempi burocratici (spedizione dei codici, spedizione carta etc.) sembrano essere davvero molti lunghi, in alcuni casi ho letto di persone che hanno aspettato quasi 2 mesi!

Per quanto concerne invece le altre 2 offerte, ovvero Postepay e SuperFlash, queste non sembrano dare problemi, anzi… non c’è bisogno di avere già un conto corrente e i tempi sono rapidi… della serie ti rechi allo sportello, porti con te carta di Identità e codice fiscale e la carta viene attivata immediatamente.

Ma veniamo ai costi:

Ad una prima impressione sembra che Postepay sia l’offerta più vantaggiosa, in quanto non ha costi di gestione mentre le altre due sì, nello specifico il conto tascabile di CheBanca costa 12 euro l’anno (ben 36 per la versione a colori), mentre SuperFlash di Intesa Sanpaolo costa 9.90 euro l’anno e stop, no a canoni, no a costi aggiuntivi e niente bollo.

Ma, di fatto, confrontando le varie tabelle sulle condizioni economiche, quelle migliori (per i prelievi, i pagamenti, le ricariche etc.) sembra offrirle il conto tascabile di CheBanca.

Già per i prelievi presso gli sportelli bancomat della Posta, Postepay ti fa pagare 1 euro di commissione, mentre per le altre 2 carte i costi sono nulli (ovviamente all’interno dei corrispettivi circuiti di appartenenza).

Cosa permettono di fare:

Oltre a tutte le funzioni comuni tipiche del bancomat (prelievi, pagamenti etc.),la novità delle carte emesse dalle due banche qui confrontate, è che senza avere un Conto corrente si può ugualmente usufruire di tutte le funzioni e i servizi legate a questo.

Dietro le carte (SuperFlash e Conto Tascabile CheBanca) c’è un vero e proprio CODICE IBAN e questo permette per esempio di accreditare lo stipendio sulla carta e ricevere i bonifici, cosa che invece non permette Postepay.

E a tal proposito penso alla convenienza e l’utilità (dati anche i tempi veloci d’attivazione) della carta Superflash, per tutti quei lavoratori stranieri che vivono in Italia, che hanno bisogno di spedire i soldi alla propria famiglia che è rimasta nel paese di origine e che ovviamente non ha un conto corrente intestato.

Basta spedire una carta ricaricabile, munita appunto di Codice Iban, ( e Superflash è attiva da subito), sulla quale versare i soldi e il gioco è fatto.

Avrei un bel po’ di amici a cui consigliarla…sia stranieri che precari che necessitano di un conto e pochi pensieri.

Capitolo Sicurezza:

Le carte SuperFlash di Intesa Sanpaolo e il Conto Tascabile di CheBanca, hanno una marcia in più rispetto a Postepay.

La carta SuperFlash è l’unica ad avere l’innovativa funzionalità on line di richiesta Carta virtuale che ti permette di creare un codice “usa e getta” da utilizzare per gli acquisti su internet.

Gli acquisti online diventano in questo modo, per i patiti di e-commerce, supersicuri abbattendo definitivamente quella diffidenza che hanno ancora in molti nei confronti degli acquisti su Internet.

In questo senso, CheBanca offre invece una copertura totale contro le frodi, ovvero in caso di furto, rapina, scippo e smarrimento, ma solo per chi detiene il Conto Tascabile a colori (che costa però 3 euro al mese).

Una cosa utile è il servizio SMS offerto da tutte e 3 le carte in analisi, attraverso il quale rimanere aggiornati circa l’operatività della carta; in poche parole, attivando il servizio si ricevono sul proprio cellulare un messaggio ogni volta che si effettuano prelievi, sul saldo disponibile etc.

Ora, questi da me descritti ed evidenziati sono gli aspetti che mi hanno incuriosito ed interessato di più, ho pensato di condividerli perchè penso sia utile condividere informazioni e conoscenza.

Non posso non esprimere in chiusura la mia preferenza che si sposta a favore del prodotto di Intesa Sanpaolo che mi sembra essere un buon compromesso tra le due altre opzioni, infatti:

  • Come il conto tascabile CheBanca ha il codice Iban che è davvero una grande svolta (Postepay non c’è l’ha);
  • da Postepay ha ripreso la facilità dell’attivazione, ovvero no Conto Corrente già intestato e velocità nelle pratiche amministrative;
  • Rispetto alle due ha l’innovativa funzionalità di Carta Virtuale che credo aumenterà di fatto il mercato del commercio elettronico e che nello specifico per me è fondamentale, dati i miei numerosi e-acquisti.

Interessantissimo vedere come reagiranno i vari competitors; queste, comunque, sono tutte buone proposte.

Scritto da PierLuigi T.

Di la tua:

Abbiamo parlato anche di:

Amici e Sentimenti Annunci Attualità e Società Casa e Giardino Cellulari e Telefonia Cibi e Bevande Cinema Città Dibattito diMartedì Eco e Natura Economia e Finanza Editoriale Feste ed Eventi Foto Fun Guide Internet e Tecnologia Intrattenimento Lavoro Moda e Bellezza Motori Musei Musica Parma PodCast Politica Salute e Benessere Scienza Scrittori e Artisti Sport Trailer Turismo e Viaggi Tv Utilità Valtaro
AmiciAmici (www.amiciamici.com) è un © di Gian Marco Tedaldi. Non vi è una periodicità fissa, gli aggiornamenti avvengono quando si ha materiale, tempo e voglia. Non ci si assume la responsabilità per inesattezze o per danni derivati dall'uso di questo sito. Inoltre i collegamenti a siti esterni, i contenuti reperiti da altri siti e/o i video proposti non sono collegati a questo sito e non ne condividono per forza le idee e le convinzioni. Non ci si assume le responsabilità di violazioni a leggi o copyright da parte di terze parti inserite come contenuti aggiuntivi a questo sito. Ogni autore, sia di articoli che di commenti, si assume ogni responsabilità civile e penale di quanto scritto.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Con il contributo di BKTPGroup.com Web Agency a Parma offre la sua consulenza su Social Network, SEO, WordPress, Magento, E-Commerce e marketing

Made with in ValTaro