Oggi cosa mi bevo?

Attualità e Società Editoriale

Acqua a BorgotaroIl problema idrico che sta colpendo Borgotaro (PR), non da oggi, non da ieri.
Un copione che sembra ripetersi ad ogni estate, ad ogni occasione buona per le solite frasi.

Siccità.

Carenza idrica.

Guasti.

Riflettiamo sul da farsi e allontaniamo dalla nostra testa il facile pensiero di dare la colpa al primo che passa. Ai soliti (ig)noti.

Grazie ad una email arrivata in redazione (così come mi piace definire il mio PC) mi prendo alcuni minuti di tempo per trattare un argomento che “sento nell’aria” da oramai troppo tempo.
Partirei subito con lo svelare il contenuto mostrato nella foto:
si tratta di un campione di acqua preso dal rubinetto di casa (non mia ma di un attento nonchè amico visitatore di questo sito) a Borgotaro (ci tengo a precisare del 23 luglio 2006 alle ore 18).

La spettacolare risorsa che sgorga nelle abitazioni borgotaresi mi incuriosisce da anni e già colse la mia attenzione alcuni giorni fa leggendo una risposta alquanto stizzita e, a mio modo di vedere, anche poco “ortodossa” da parte di Montagna2000 ad una lettera al Direttore della Gazzetta di Parma dove ci si lamentava della mancanza d’acqua per svariati giorni (una ventina) in alcuni quartieri (nella lettera se ne citava uno in particolare) di Borgo val di Taro.

Nella risposta si leggeva come il disservizio una volta segnalato fosse stato risolto in fretta e come non vi fosse il bisogno di informare gli organi di stampa e muovere assessori comunali a segnalare le inadempienze di Montagna2000 (che gestisce la rete idrica nel Comune).

Ne seguì un botta e risposta a cui molti hanno preso parte, a torto o merito (come noi del resto), aggiungendo benzina al delicato rapporto di “sudditanza” che ci vuol essere tra enti e cittadini.

Le cose non dovrebbero andare certo in questo modo.

Gli enti pubblici e quelli che forniscono un servizio pubblico dovrebbero per prima cosa fornire risposte esaurienti, chiare ed univoche sul lavoro svolto.

Inutile dire che lo scaricabarile in questo caso è stato totale. La siccità delle nostre valli, unita ad un sottodimensionato bacino idrico, ad una perdita difficile da rintracciare, in aggiunta a Diosolosacos’altro ha portato Borgotaro a rintoccare la solita stonata campana.

Quella dell’acqua!

Naturalmente è d’obbligo dire, prima che lo faccia qualcun altro, che la rete idrica di Borgotaro (ma non solo) è vecchia, la sua estensione è notevole ed in territori tutt’altro che comodi/semplici, si fanno continui sforzi per mantenerla in efficenza e garantire il servizio ma (e c’è sempre un ma), se questo per un periodo non fosse adeguato?

Avrei preferito sentire parole di scuse e un “me na vado a lavorare con maggiore impegno per la tutela e salvaguardia di un servizio tanto importante e di pubblica utilità” al posto di un raffazzonato atto di forza e un intimidatorio appello a non rompere le scatole ai media e assessori.

In compenso ora gli annunci sulla televisione locale si sprecano:
i lavori di ripristino, miglioria, ristrutturazione, immagazzinamento etc. si susseguono e mi fanno pensare al fatto che in questo modo, alcuni disagi anche non previsti, siano giustificati/giustificabili.

Nel frattempo vi giro l’invito ad una bevuta gratuita di acqua che mi è stato fatto. Ci vediamo a Borgotaro dalla fontana dietro al Comune, magari ne portiamo un paio di bottiglie al Sindaco e a Montagna2000, tanto offriamo sempre e comunque noi.

Aggiornamento:
con una nota Montagna2000 fa sapere che i disguidi di sabato e domenica, cha hanno portato al rubinetto acqua come dalla foto, sono dovoti a dei lavori di mantenimento di una strada posta nella frazione di Valdena (Borgotaro) a monte di un bacino idrico. La situazione sarebbe tornata alla normalità in queste ore.

Aggiornamento (28/luglio/2006):
Apprendo dalla “Gazzetta di Parma” in un articolo non firmato che Montagna2000 ha rilasciato un’ennesima nota in cui spiega che i disagi (carenza d’acqua e di pressione) potrebbero continuare in questi giorni (caratterizzati da forti acquazoni pomeridiani) a causa, e cito testualmente: “non dipendenti dalla gestione ma dalla impossibilità di utilizzare, in modo completo, la sorgente con galleria filtrante, posta sul Tarodine”. Le motivazioni, già spiegate in quest’articolo, sarebbero da attribuirsi al “forte intorbidimento causato dalla terra mossa con la costruzione della strada Albareto-Zeri che i temporali” di questi giorni “hanno convogliato nella sorgente”. L’articolo prosegue spiegando che la sorgente è in grado di fornire 7 litri di acqua al secondo, “pari ad oltre 600 litri d’acqua al giorno”. Dal punto di vista matematico è vero che sarebbero OLTRE 600 litri d’acqua al giorno. Per essere precisi, se si trattasse di una fornitura continua e costante (e completamente immagazzinata) sarebbero ben 604800 i litri al giorno immagazzinati.

Di la tua:

Abbiamo parlato anche di:

Amici e Sentimenti Annunci Attualità e Società Casa e Giardino Cellulari e Telefonia Cibi e Bevande Cinema Città Eco e Natura Economia e Finanza Editoriale Feste ed Eventi Foto Fun Guide Internet e Tecnologia Lavoro Moda e Bellezza Motori Musei Musica Parma PodCast Politica Salute e Benessere Scrittori e Artisti Sport Turismo e Viaggi Tv Utilità Valtaro
AmiciAmici (www.amiciamici.com) è un © di Gian Marco Tedaldi. Non vi è una periodicità fissa, gli aggiornamenti avvengono quando si ha materiale, tempo e voglia. Non ci si assume la responsabilità per inesattezze o per danni derivati dall'uso di questo sito. Inoltre i collegamenti a siti esterni, i contenuti reperiti da altri siti e/o i video proposti non sono collegati a questo sito e non ne condividono per forza le idee e le convinzioni. Non ci si assume le responsabilità di violazioni a leggi o copyright da parte di terze parti inserite come contenuti aggiuntivi a questo sito. Ogni autore, sia di articoli che di commenti, si assume ogni responsabilità civile e penale di quanto scritto.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Con il contributo di BKTPGroup.com Web Agency a Parma offre la sua consulenza su Social Network, SEO, WordPress, Magento, E-Commerce e marketing

Made with in Val Taro
banner